itinerari

SULLE CRESTE DI CAMPO CATINO (MONTI ERNICI, LAZIO)

Torna la neve sulle creste dell’Appennino. E la stazione sciistica di Campo Catino, a 1800 metri di quota, è il punto di partenza di un classico e panoramico itinerario, dove occorre avere con sé sia le ciaspole sia i ramponi. Lo dimostrano i numerosi incidenti avvenuti a escursionisti male attrezzati e ai loro accompagnatori improvvisati.

leggi tutto

DAL PIAN DELLA FAGGETA AL MONTE SEMPREVISA (MONTI LEPINI, LAZIO)

Quando sulle catene più alte dell’Appennino arriva la prima neve, lo spettacolo dei colori dell’autunno sulle montagne del Lazio si sposta per qualche settimana ancora sui Lucretili, gli Ausoni, i Sabini e i Lepini, dei massicci minori ma di grande suggestione. Dal Semprevisa (ma qualcuno in zona dice “la” Semprevisa), lo sguardo spazia verso il Circeo, il Mar Tirreno e le isole di Ponza e Ventotene. Il sentiero è comodo, e da qualche anno ben segnato.

leggi tutto

SULLA MONTAGNOLA, PER VEDERE I CERVI (PARCO D’ABRUZZO, LAZIO E MOLISE)

La Montagnola, che si allunga dal Monte Godi verso Villetta Barrea, offre un meraviglioso panorami sui monti del Parco. Questo itinerario, tratto dalla mia guida “Sentieri del Parco d’Abruzzo” (Iter Edizioni, 2018) sale al rifugio della Montagnola e al Monte Mattone, e permette spesso di vedere i cervi, i cui bramiti si ascoltano anche dalla strada. Il rifugio, restaurato da tre anni con fondi pubblici, non è ancora stato aperto.

leggi tutto

IL RIFUGIO PANEPUCCI E IL MONTE SAN FRANCO (GRAN SASSO, ABRUZZO)

Una vetta frequentata e con un panorama inconsueto, un itinerario con un dislivello contenuto e che si svolge per la prima parte tra i faggi. A questi tradizionali motivi per salire al Monte San Franco si aggiungono la recente sistemazione e l’apertura nei weekend del rifugio che ricorda Antonella Panepucci Alessandri. La cresta dei Coppi, anche se elementare, offre un percorso divertente.

leggi tutto

AL MONTE AMARO PER LA RAVA DEL FERRO (PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA, ABRUZZO)

L’impressionante canalone della Rava del Ferro, che incide il versante occidentale della Majella e sbuca in cresta tra il Monte Pescofalcone e il Monte Amaro, offre l’itinerario più breve verso la vetta più alta del massiccio. E’ un percorso in ambiente selvaggio, riservato a camminatori allenati, che nelle prime ore del mattino resta in ombra anche in piena estate. Sulle rocce compaiono spesso i camosci.

leggi tutto

DALLA DIGA DI MORASCO AL RIFUGIO CLAUDIO E BRUNO (VAL FORMAZZA, PIEMONTE)

La Val Formazza, la più settentrionale dell’Ossola, è la valle dell’acqua. La cascata del Toce (o della Frua), che precipita per 140 metri, è stata descritta da Horace-Bénédict de Saussure e Giosuè Carducci. A partire dal 1911, le acque della valle sono state imbrigliate in un sistema di laghi artificiali, e la cascata si vede solo in alcuni orari. Il sentiero che sale ai rifugi offre un percorso suggestivo.

leggi tutto

La mia newsletter