CON LE CIASPOLE DA PRATO DI MEZZO AL MONTE FORCELLONE (PNALM, LAZIO)

CON LE CIASPOLE DA PRATO DI MEZZO AL MONTE FORCELLONE (PNALM, LAZIO)

Il Monte Forcellone, coronato da una croce, si affaccia sulla Valle di Comino e su Atina, ed è una delle vette più frequentate del versante laziale del Parco d’Abruzzo, Lazio e Molise. L’itinerario che lo raggiunge da Prato di Mezzo è una elementare ciaspolata fino alla Fonte Fredda. Più in alto la pendenza aumenta un po’, e in un paio di passaggi, se la neve è ghiacciata, i ramponi sono più utili e sicuri delle ciaspole. L’itinerario è frequentato anche dagli scialpinisti.

CON LE CIASPOLE DA PRATO COMUNE ALLA SELLA DI LEONESSA E AL MONTE ROTONDO (TERMINILLO, LAZIO)

CON LE CIASPOLE DA PRATO COMUNE ALLA SELLA DI LEONESSA E AL MONTE ROTONDO (TERMINILLO, LAZIO)

Il massiccio centrale del Terminillo, con i suoi ripidi pendii adatti allo scialpinismo o ai ramponi, non offre molto spazio agli appassionati delle ciaspole. Con neve abbondante, però, è possibile seguire questo spettacolare anello, che tocca vari straordinari belvedere. Se la neve dura o ghiacciata può convenire togliere le ciaspole per salire a Monte Rotondo, e rinunciare alla discesa verso Prato Comune, per tornare seguendo il percorso dell’andata.

CON LE CIASPOLE AI PANTANI DI ACCUMOLI (MONTI SIBILLINI, UMBRIA E LAZIO)

CON LE CIASPOLE AI PANTANI DI ACCUMOLI (MONTI SIBILLINI, UMBRIA E LAZIO)

La conca dei Pantani, in territorio di Accumoli, è una classica meta in tutte le stagioni, e si raggiunge d’inverno con gli sci da fondo-escursionismo o le ciaspole. Un itinerario più lungo e ripido sale dai ruderi della chiesa della Madonna delle Coste e dall’agriturismo Alta Montagna Bio, nei pressi di Accumoli. Uno sciagurato progetto della Regione Lazio prevede la costruzione di un rifugio-albergo nei pressi dei Pantani.