IL SENTIERO DI SANT’ANNA DI STAZZEMA (ALPI APUANE, TOSCANA)

IL SENTIERO DI SANT’ANNA DI STAZZEMA (ALPI APUANE, TOSCANA)

Tra le rocce e i boschi delle Alpi Apuane si conserva la memoria di una pagina terribile di storia. A Sant’Anna di Stazzema, il 12 agosto 1944, due o trecento militari delle SS uccisero con efferatezza 560 tra uomini, donne e bambini, in buona parte sfollati dai centri della Versilia. Una di loro, Anna Pardini, era nata da venti giorni. Oggi la dolcezza dei luoghi contrasta in modo doloroso con la memoria della strage.

CORNO GRANDE PER IL GHIACCIAIO DEL CALDERONE (GRAN SASSO, ABRUZZO)

CORNO GRANDE PER IL GHIACCIAIO DEL CALDERONE (GRAN SASSO, ABRUZZO)

In piena estate il Ghiacciaio del Calderone, che è il più meridionale d’Europa, si riduce a qualche lingua di ghiaccio fossile nascosta sotto alle pietraie. In primavera invece, questo spettacolare pendio circondato dalle quattro vette del Corno Grande offre un facile, meraviglioso e frequentatissimo itinerario alpinistico verso la cima più elevata dell’Appennino. Sono necessari la piccozza e i ramponi, consigliato il casco. Che follia non aprire la cabinovia, almeno nei weekend!

ABRUZZO, TORNANO I DIVIETI SBAGLIATI

ABRUZZO, TORNANO I DIVIETI SBAGLIATI

La discussione sui divieti invernali illegittimi o sbagliati in Abruzzo si è conclusa da poco. Ora una comunicazione dei Carabinieri Forestali riportata sul sito del CAI di Avezzano illustra quelli validi tutto l’anno nella Riserva Naturale del Velino. Diciamo le cose come stanno. Il divieto in Valle Majelama, che ha motivazioni ambientali, è sacrosanto. Quello per la Valle di Teve non ha senso.